Quiz Easy::Quiz

0
0
0
s2smodern

Diventare Infermiere - Un’opportunità importante per il tuo futuro.


Diventare infermiere vuol dire non solo avere concrete opportunità di lavoro, ma anche mettersi al servizio degli altri e svolgere una professione sanitaria tra le più richieste, impegnativa, emozionante e ricca di gratificazioni.


Per diventare infermieri o infermieri pediatrici bisogna conseguire la Laurea in infermieristica o infermieristica pediatrica.
La durata accademica definita è di 3 anni (180 CFU – 1 CFU = 30 ore).

Ottenuta la Laurea ti devi iscrivere all'Ordine delle Professioni Infermieristiche della tua provincia.

I laureati in Infermieristica o Infermieristica pediatrica sono professionisti sanitari a cui competono le attribuzioni previste dal DM14 settembre 1994, n. 739 e dal DM 17 gennaio 1997, n. 70, ovvero sono responsabili dell’assistenza generale infermieristica o infermieristica pediatrica.


Ogni università può introdurre nel proprio ordinamento didattico delle variazioni, fino a un terzo del programma definito dalla normativa nazionale 

Requisiti di ammissione
Per gli italiani: diploma di scuola secondaria di secondo grado
Per gli stranieri: dichiarazione di valore del titolo di studio (diploma) conseguito nel proprio Paese


Conseguita la laurea, gli infermieri o infermieri pediatrici possono proseguire la formazione universitaria iscrivendosi a un Master di 1° livello, a un corso di perfezionamento oppure possono iscriversi alla Laurea Magistrale in Scienze Infermieristiche e Ostetriche.

Conseguita la laurea Magistrale la formazione può continuare con master di 2° livello o con il dottorato di ricerca.

Gli sbocchi lavorativi si sostanziano su più rami, quello di lavoratore dipendente pubblico o privato e quello di libero professionista.

  • Per il Lavoratore Pubblico la strada è quella dei concorsi pubblici vedi la sezione dedicata Link concorsi .
  • Per il Lavoratore Privato, munendosi di tanta pazienza, un buon curriculum e promuovere la propria professionalità presso cliniche o enti privati o cooperative di servizio. Redigi un buon curriculum.
  • Per il libero professionista segui la nostra proposta.

Che tu sia un’aspirante infermiere o che tu voglia accedere alla dirigenza infermieristica lo scenario a cui non puoi sottrarti e la prova a quiz.

Per la professione infermieristica alcune tappe sono cruciali e non facilmente superabili se non si ha una formazione adeguata.

Non dico nulla di strano che per superare un test bisogna essere preparati.

Le tappe fondamentali si possono riassumere in queste:

  • Ammissione alla laurea triennale
  • Ammissione alla laurea magistrale
  • Selezione al concorso per infermiere
  • Selezione per il coordinamento
  • Selezione per incarichi aziendali
  • Selezione per la dirigenza infermieristica

Per i primi tre, vista l’affluenza di candidati, il passaggio per i test di ammissione è una tappa certa da dover affrontare, mentre per gli altri i quiz rappresentano un aspetto marginale se non addirittura inesistente.

Se sei arrivato a leggere fino a questo punto di sicuro ti farà piacere sapere che leggendo questo articolo troverai le risposte ai tuoi dubbi, pertanto prenditi 2 minuti e prosegui con la lettura.

Il tempo il tuo primo alleato

Il primo aspetto da tenere presente è il tempo che hai a disposizione per prepararti non incorrere nel paradosso che pur “avendo 100 giorni per prepararsi ci si concentra solo negli ultimi 5 giorni lasciando passare i primi 95 senza far nulla” in una sorta di blocco mentale.

La pianificazione del tempo è la prima cosa che devi fare, considera che per una buona preparazione hai bisogno da 100 a 500 ore di studio, tutto dipende dalla preparazione di base che già possiedi.

Già sai se vuoi accedere ad un corso di laurea o se hai presentato la domanda per un concorso, pertanto puoi programmarti almeno tre mesi di tempo per la preparazione all’esame; per un concorso dalla pubblicazione dell’avviso al giorno dell’esame a quiz passano anche più di tre mesi.

Quindi il tempo lo puoi programmare a tuo vantaggio dedicando da 1 a 5 ore di studio al giorno.

Non scegliere ore del giorno quali la sera prima di dormire o dopo pranzo perché la mente non è molto concentrata, prediligi al risveglio anche dopo una breve colazione nel pomeriggio dalle 16 alle 19 e comunque creati la tua location tranquilla e senza fonti di distrazioni; prenditi una pausa ogni 15/20 minuti anche 5 minuti di attività fisica di media intensità sul posto.

Lo strumento il tuo secondo alleato

Definito il tempo che devi o puoi dedicare allo studio non ti resta che cercare lo strumento più performante per la tua mente.

Libri di testo: ne trovi tanti a disposizione in rete, sia cartacei che digitali, questi ti sono utili per approfondire argomenti o per studiarne di nuovi. Concentrati solo sugli argomenti che fanno parte dell’esame e dove sei più carente.

Eserciziari e quiz: anche per questi strumenti il web è pieno, acquista quelli che sono più aderenti all’esame che devi affrontare; preferisci quelli con le verifiche, approfondimenti e soluzioni commentate. Questo strumento ti è utile per abituare la tua mente a ragionare in termini di domanda/risposta, se utilizzi il formato cartaceo ti consiglio di lavorare sulle fotocopie, è preferibile l’uso di software specifici.

Quiz on line: una evoluzione ai testi è l’uso di web application che ti permettono la simulazione di test avvicinandosi molto alla realtà, ormai tanti editori stanno lasciando il cartaceo per proporre sistemi on line per la preparazione agli esami a quiz.

Pertanto, le regole fondamentali per affrontare una prova di ammissione universitaria sono:
• studiare la teoria
• svolgere gli esercizi
• fare tanta pratica con le simulazioni d’esame.

La nostra proposta, avvia il video descrittivo.

A breve sarà disponibile la prima versione dell'applicativo web per la preparazione ai test per infermieristica.

 

© 2021 Jey::Soft. All Rights Reserved.